Le gare di questa settimana
2 dicembre 2019

Questa settimana il Como Volley è stato citato in un articolo del giornale “La Provincia” di Como e questa che segue è, per ora, la risposta a quell’articolo.

Il detto «Nel bene o nel male, purché se ne parli» parafrasa un brano de Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde (1890): «There is only one thing in the world worse than being talked about, and that is not being talked about».

Da anni è diventato il motto con cui si giustifica la comunicazione più volgare, aggressiva, sguaiata.In pubblicità come in politica, in televisione come sulla stampa e anche su internet.

È una frase stranota, al punto che vi fanno ricorso non solo i comunicatori di professione, ma tutti quelli che vogliono mostrarsi furbi e disincantati nell’interpretare la comunicazione, quelli che vogliono dar prova di saperla lunghissima: se qualcuno si lamenta di certi eccessi, il sapientone di turno è pronto a replicare: «Ma dove vivi? Non sai che la comunicazione funziona così? Parlino bene o male, purché parlino………..».

A volte, com’è ovvio, una sana indifferenza permette di evitare la trappola. Purché non sia così ostentata da pesare come e più di un atto di parola. Ma se il polverone è già sollevato e tutti si accaniscono, nel bene o nel male, a parlarne, il silenzio può essere scambiato per qualunquismo o disimpegno irresponsabile. E allora si è obbligati a parlarne.
Un giornale locale di Como, la Provincia d Como, pubblica venerdì 29 novembre 2019 un articolo firmato “F. Ton.” intitolato “Allenatore sotto accusa * Molestie a un minore *!!
Scrive poi sotto il titolone “ a processo un Dirigente della Como Volley di Sagnino …”
Incalza scrivendo a chiare lettere che l’episodio sarebbe avvenuto dopo una seduta di allenamento…… nomina a più riprese la Società Como Volley riportando anche il nome e cognome della persona denunciata e specifica che si tratta di un processo a porte chiuse oltre a segnalare sempre il Signor F.Ton che le accuse devono tutte ancora essere provate.
Insomma un insieme di affermazioni e di smentite, il gioco noto solo ad alcuni… accendo il fuoco e fingo di spegnerlo con qualche goccia d’acqua…., in un articolo costellato da gravi imprecisioni e del tutto approssimativo dove il Como Volley, ribadiamo più volte citato dal Signor F. Ton, nulla c’entra con questi avvenimenti.
I fatti dovrebbero risalire a ca. 4 anni fa; la persona citata dal Signor F. Ton non è mai stata allenatore del Como Volley, (da anni non è più con noi), ma ai tempi era un Dirigente accompagnatore della prima squadra formata da ragazze maggiorenni.
All’interno delle strutture del Como Volley NON può accadere quanto ventilato dal Signor F. Ton nel suo articolo in quanto, in qualunque sessione di allenamento, sono sempre presenti almeno due allenatori ed un Dirigente accompagnatore oltre alla costante presenza di supervisori che hanno il compito di monitorare i rapporti tra allenatori, dirigenti, atleti e genitori e riferire, di eventuali o presunte “anomalie”, al Consiglio ed al Presidente.
I nostri allenamenti sono ovunque a porte aperte e dunque i genitori possono sedere sugli spalti ed assistere ad ogni allenamento se lo desiderano.

Il Signor F. Ton scrive ancora “…..Un amico di famiglia, un persona della quale potersi fidare…………”. Il fatto a cui si riferisce, semmai vero e provato dalla Giustizia che sta facendo il suo corso, sarebbe accaduto in un contesto privato fuori “dall’orbita COMO VOLLEY” che non può e non deve essere coinvolta.
La nostra Società Sportiva ha un Presidente ed un Consiglio molto attenti proprio a questi episodi e per questa ragione da anni è stato messo a punto il sistema di controllo summenzionato.
Siamo certi sia chiara a tutti l’estraneità del Como Volley ai fatti raccontati dal Signor F. Ton; ci conoscono ormai centinaia di atleti e genitori, ci conoscono Società sportive in Provincia, fuori Provincia, in Svizzera…ci conoscono perfino in Canada ed in America e tutti sanno quanto sia seria la nostra Società e quanta sia grande la passione di tutti gli appartenenti verso questo sport che ha spinto il Como Volley a diventare oggi una delle Società più seguite nella nostra area geografica. Il Como Volley si adopera costantemente nel tutelare la crescita dei propri giovani e nel monitorare il loro operato.

I.C.D.